CARTA DEI VALORI

Il gruppo SNG sta disegnando un unico Codice per trasferire i valori e le responsabilità che contraddistinguono la cultura aziendale del Gruppo, rivolto a tutti gli stakeholder interni ed esterni che partecipano alla catena del valore: dalla Governance ai dipendenti, dai fornitori e façonisti ai clienti, dalla Pubblica Amministrazione alle organizzazioni ambientali.

La rappresentazione dei valori di rispetto e ricerca, quali elementi centrali dell’attività, trova espressione non soltanto attraverso i principi fondamentali di rispetto delle leggi, di onestà e di trasparenza, correttezza e buona fede, si rivolge altresì alla responsabilità nel perseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile nei confronti delle persone: dipendenti, collaboratori, fornitori e consumatori.

Lo sguardo attento delle aziende del Gruppo verso la ricerca di materiali e processi innovativi, che garantiscano i più elevati standard qualitativi, si dirige verso quei prodotti sostenibili che soddisfano i requisiti condivisi con i clienti. La gestione dei materiali sostenibili si sviluppa attraverso un sistema di tracciabilità messo a punto dall’azienda, in grado di seguire ed identificare l’articolo lungo tutto il ciclo di trasformazione fino al prodotto finito.

Nel secondo semestre del 2020 il Gruppo ha avviato il progetto 4sustainability in collaborazione con la società di consulenza Process Factory secondo la metodologia ZDHC (Zero Discharge Hazardous Chemical) adottata e condivisa dai maggiori Luxury Brands. L’approccio coniuga e costituisce metodi distintivi per il risk management e la compliance, integrando la gestione ambientale, la sicurezza e la responsabilità sociale nella sostenibilità.

PEOPLE

Lavoratori, collaboratori, fornitori, persone che usano il nostro prodotto sono le risorse fondamentali, riconoscere l'importanza del loro lavoro, ascoltarli, condividere conoscenze con loro e lavorare col sorriso con loro è il cuore del nostro progetto

RICERCA E TRACCIABILITÀ MATERIALI SOSTENIBILI

La responsabilità del Gruppo e dei maggiori Luxury Brands nei confronti dell’ambiente, e l’obiettivo prioritario di ridurre l’impatto ambientale prodotto dalle lavorazioni tessili, hanno portato le aziende del Gruppo a rivolgere una particolare attenzione alla ricerca e selezione di materiali sostenibili. La ricerca si rivolge principalmente verso i materiali tessili che, per consumi e pluralità di tipologie, rappresentano l’impatto ambientale più significativo. Le risorse interne all’azienda dedicate alla ricerca dei tessuti, lavorano attivamente insieme ai fornitori alla selezione di materiali biologici e riciclati in grado di conciliare la necessità di utilizzare materiali sostenibili con i requisiti di alta qualità e stile richiesti dai clienti. La composizione e la provenienza del tessuto sostenibile dovranno essere oggetto di certificazione riconosciuta dagli enti preposti che il fornitore dovrà mettere a disposizione. In collaborazione con uno dei maggiori clienti operante nel mondo del lusso, l’azienda ha implementato un processo interno di tracciabilità dei materiali sostenibili, tale da ricondurre lo specifico rotolo di tessuto al capo finito, passando attraverso le varie fasi di lavorazione del capo.

IL PROGETTO 4SUSTAINABILITY

Lo stimolo del mercato e la valutazione dell’impatto ambientale delle lavorazioni tipiche del Gruppo SNG ci ha spinto a ricercare soluzioni per una produzione più sostenibile anche dal punto di vista chimico.La sensibilità alle tematiche ambientali e l’obiettivo prioritario di proteggere l’uomo e l’ambiente, ha condotto il Gruppo ad affrontare il tema delle sostanze chimiche tossiche e nocive in maniera sistemica, integrando nei cicli di produzione attività e controlli finalizzati ad eliminarne gradualmente la presenza, seguendo le indicazioni del Programma ZDHC (Zero Discharge Hazardous Chemicals). La valutazione del rischio chimico e l’approccio olistico consentono al Gruppo di contribuire al raggiungimento di alcuni degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030 adottati dalle Nazioni Unite (SDG’s). Alla luce degli obiettivi, è stato individuato un metodo di gestione strutturato in livelli progressivi di implementazione e orientato all’eccellenza:

PROTOCOLLO CHEMICAL MANAGEMENT 4SUSTAINABILITY

con l’intento di costruire un sistema di valutazione dei fornitori con mappatura e gestione della supply chain sulla base di classi di rischio mediante l’adozione di piani di controllo. Lo strumento consente di verificare il sistema di gestione della tracciabilità in produzione e di individuare le possibili azioni di miglioramento.

METODOLOGIA E APPLICAZIONE

NELLE AZIENDE DEL GRUPPO

  • Nomina di un Chemical Manager interno e team di gestione del sistema
  • Mappatura e qualifica della filiera con l’individuazione di categorie di rischio chimico
  • Raccolta delle informazioni dai nostri sistemi gestionali per assicurare la tracciabilità
  • Coinvolgimento dei nostri fornitori su obiettivi comuni, tramite attività di formazione, assessment a distanza e audit in loco
  • Rendicontazione costante per l’individuazione del piano di eliminazione e miglioramento
  • Rilascio di un report annuale con KPI di Chemical Management con evidenza del livello di implementazione 4sustainability da condividere con i clienti

NELLA CATENA DI FORNITURA

  • Applicazione della PRSL (Product Restricted Substances List) 4sustainability per la qualifica dei fornitori di materia prima
  • Implementazione della MRSL (Manufacturing Restricted Substances List) di ZDHC (Zero Discharge Hazardous Chemical) per i processi a rischio chimico
  • Raccolta di KPI di Chemical Management da tutti i fornitori
  • Definizione di una procedura interna di Chemical Management al fine di garantire ruoli e responsabilità, acquisti conformi agli standard interni, processi sotto controllo

I SEI STEP DEL SISTEMA

  • Analisi iniziale dello stato dell’arte e sviluppo di un piano personalizzato delle attività da realizzare.

  • Definizione della struttura organizzativa – con identificazione dei ruoli e delle responsabilità – e di strumenti di indirizzo come la Product Restricted Substances List (PRSL) e la Manufacturing Restricted Substances List MRSL) di ZDHC.

  • Costruzione di un sistema di valutazione dei fornitori, con mappatura e gestionedella supply chain sulla base di classi di rischio.

  • Mappatura e valutazione dei rischi - con relativi piani di controllo - su materie prime e chemical inventory, processi e acque reflue.

  • Verifica delle capacità di gestione della tracciabilità in produzione e individuazione di possibili azioni di miglioramento.

  • Creazione degli strumenti di raccolta e gestione dei dati per il miglioramento continuo del sistema, con formazione parallela del personale interno e dei fornitori.